COME FUNZIONA - Studio Petrillo - Rimozione Tatuaggi con Laser

Vai ai contenuti

Menu principale:

COME FUNZIONA



I motivi per cui decidiamo di rivolgerci ad un professionista per eliminare definitivamente un tatuaggio possono essere molteplici. Per motivi estetici, sentimentali, medici come nel caso di allergie, per errori da parte dei tatuatori, per problemi psichiatrici oppure per concorsi statali dove è obbligatoriamente richiesto che non ne siano presenti.

Oggi il laser Q-Swtiched rappresenta il gold standard per rimuovere tatuaggi e macchie pigmentate. Si basa sul principio della fototermolisi che svolge un'azione di fotoablazione superselettiva grazie all'emissione di una luce potentissima per una durata di pochi nanosecondi, in modo che l'effetto del suo raggio si concentri quasi esclusivamente entro i limiti delle particelle di pigmento che costituiscono il suo bersaglio, mentre gli strati esterni della cute vengono oltrepassati senza danno.

E' possibile calibrare il raggio del laser Q-switched su varie lunghezze d'onda, 1064 nm per pigmenti scuri e 532 nm per pigmenti rossi. Il suo effetto foto acustico danneggia le particelle colorate che vengono in seguito degradate e riassorbite dall'organismo.

Grafico lunghezza d'onda laser q-switched
Grafico profondità d'onda sulla pelle

Prima della seduta

É indispensabile evitare di esporre al sole o alle lampade abbronzanti la zona che deve essere trattata con il laser Q-Switched fin dai 3 mesi precedenti la prima seduta laser. In caso contrario, il raggio laser individuerebbe come bersaglio la melanina che si trova nell'epidermide arrivando con meno efficacia al vero obbiettivo. Prima di ogni seduta la cute deve essere rasata e può essere applicato un anestetico topico circa un'ora prima, specialmente se la zona da trattare è estesa o molto sensibile.

Durante la seduta

Dopo aver protetto la cute circostante con un gel specifico si procede con il laser sulla zona da trattare. La seduta ha una durata di 20/30 minuti circa, a seconda della dimensione della zona da trattare.
In quest’ultimo caso va considerato che l'eliminazione dei pigmenti non è da subito visibile; questi, infatti, vengono frantumati, ed il sistema immunitario li riassorbe successivamente.

Dopo la seduta

Dopo il trattamento è possibile riprendere le normali attività avendo cura di applicare impacchi di ghiaccio nelle prime ore e proseguire con creme idratanti e lenitive, secondo le indicazioni del medico, per una settimana circa, evitando di sfregare l'area o di intervenire sulle eventuali vescicole per scongiurare il rischio di infezione e la formazione di cicatrici.
La seduta successiva in genere può essere effettuata dopo 30 giorni.

 
© 2014-2018 Gianluca Petrillo - Tutti i diritti riservati - P.Iva 05998411218
Torna ai contenuti | Torna al menu